The Avengers – Age of Ultron

The Avengers - Age of Ultron

Titolo Originale: The Avengers – Age of Ultron
Nazione: USA
Genere: Fantasy
Durata: 142′
Anno: 2015

Regia: Joss Whedon
Cast: Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Mark Ruffalo, Chris Evans, Chris Hemsworth, Aaron Taylor-Johnson, Jeremy Renner, Anthony Mackie, Elizabeth Olsen, Samuel L. Jackson, Stellan Skarsgård, Cobie Smulders, Andy Serkis, Idris Elba, James Spader, Hayley Atwell, Paul Bettany, Don Cheadle, Thomas Kretschmann, Stan Lee.

Trama: Il governo degli Stati Uniti ha crea un nuovo robot noto come Ultron e decide che l’aiuto degli Avengers non è più necessario. Quando però Ultron si rivolta contro l’umanità e i suoi stessi creatori, per i “vendicatori” arriva il momento di fare nuovamente squadra e di affrontare la sfida più pericolosa di sempre. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Finiscono qui le virtù di Avengers: Age of Ultron. Non molto, in verità: le aspettative erano ovviamente elevate, eppure manca quel senso di epica, di evento veramente speciale che aeva saputo creare The Avengers. La ricerca spasmodica di quell’equilibrio di cui sopra, ma soprattutto il rispetto dei rigidissimi protocolli alla base dell’ineffabile Marvel Cinematic Universe, e forse finanche una comprensibile stanchezza (Whedon dovrebbe aver concluso la sua avventura con Disney/Marvel), non permettono ai Vendicatori un passaggio oltre, una evoluzione. Le dinamiche, dopotutto, sono sempre le stesse, lo stesso dicasi per inneschi narrativi e visione d’insieme: la sensazione che ci si trovi di fronte ad una mera riproposizione (mai cambiare la formula vincente), è forte e senz’altro fondata. Così ci si accontenta che lo script instilli idee suggestive (la pericolosità dell’intelligenza artificiale, certo, ma anche la mai doma arroganza dell’uomo, nella fattispecie quella di Tony Stark per averla resa possibile) senza mai approfondirle. D’altronde, si dirà, è soltanto un cinefumetto: è intrattenimento. Però proprio in quest’ottica il film delude: le sequenze d’azione non sono granché (non per un blockbuster di cotante dimensioni), soggiogate come sono al facile ricorso di famelici effetti speciali e la CGI che si divorano ogni cosa, sense of wonder compreso. Il resto – riferimenti all’ “universo condiviso”, rivoli sentimentali (nell’occasione le origini e la famiglia del meno interessante dei Vendicatori, Clint Barton/Occhio di Falco, ed inoltre la singolare liaison tra Natasha Romanoff e Bruce Banner), cameo di Stan Lee, comparsa salvifica di Nick Fury, la recitazione impostata, telecomandata (si distingue un minimo Elizabeth Olsen nel ruolo di Scarlet, probabilmente perché è una new entry ma pure perché, oggettivamente, è una gran bella figliuola) – è ordinaria amministrazione. Ecco, proprio il termine “ordinario” forse esprime nel migliore dei modi il pensiero post-visione di Avengers: Age of Ultron.