Shut In

Shut In

Titolo Originale: Shut In
Nazione: USA, Canada, Francia
Genere: Drammatico
Durata: 91′
Anno: 2016

Regia: Farren Blackburn
Cast: Naomi Watts, Jacob Tremblay, Oliver Platt, David Cubitt, Crystal Balint, Tim Post, Charlie Heaton, Ellen David, Clémentine Poidatz…

Trama: Mary, una psicologa infantile, vive e lavora senza mai allontanarsi dalla sua casa, dove riceve a domicilio i suoi pazienti e soprattutto si occupa del figliastro diciottenne Stephen, ridotto in stato vegetativo dall’incidente stradale in cui è morto il marito Richard. Quando resta coinvolta nella misteriosa sparizione di uno dei suoi pazienti, il piccolo Tom, Mary comincia tuttavia a essere perseguitata da strani eventi che condurranno a un’agghiacciante scoperta che lascerà tutti col fiato sospeso. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


Note: Diretto da Farren Blackburn e sceneggiato da Christina Hodson, Shut In racconta la storia di Mary Portman, una psicologa infantile rimasta vedova, che vive un’esistenza isolata nelle zone rurali del New England con il figliastro diciottenne Stephen. Quando Tom, un piccolo che ha in cura, scompare misteriosamente lasciando presumere che sia morto, Mary si convince che il suo fantasma perseguiti lei e il figliastro costretto a letto.

Con la direzione della fotografia di Yves Bélanger, le scenografie di Paul D. Austerberry, i costumi di Odette Gadoury e le musiche di Nathaniel Méchaly, Shut In trae origine da una semplice premessa. La sceneggiatrice Hodson sostiene infatti che la molla che ha instillato in lei l’idea di un thriller psicologico dalle complesse sfumature emotive e dall’agghiacciante finale è stata la sua esperienza in solitaria in uno scricchiolante monolocale di New York. Immaginando le possibilità che si celano dietro i rumori inspiegabili che sentiva a tarda notte, ha scritto la sceneggiatura in sole sei settimane con l’obiettivo di “ribaltare i topo del genere e di lasciare piccoli indizi lungo il racconto in modo che, quando ci si rende conto di cosa sta realmente accadendo, lo spettatore può tornare indietro agli stessi indizi e trovare una spiegazione soddisfacente.