Noi e la Giulia

Noi e la Giulia

Titolo Originale: Noi e la Giulia
Nazione: Italia
Genere: Commedia
Durata: 115′
Anno: 2015

Regia: Edoardo Leo
Cast: Luca Argentero, Edoardo Leo, Claudio Amendola, Anna Foglietta, Stefano Fresi, Carlo Buccirosso.

Trama: Diego (Luca Argentero), Fausto (Edoardo Leo) e Claudio (Stefano Fresi), tre quarantenni insoddisfatti e in fuga dalla città e dalle proprie vite, da perfetti sconosciuti si ritrovano uniti nell’ aprire un agriturismo. A loro si uniranno Sergio (Claudio Amendola), un cinquantenne invasato e fuori tempo massimo, ed Elisa (Anna Foglietta), una giovane donna incinta decisamente fuori di testa. A ostacolare il loro sogno arriverà, però, Vito (Carlo Buccirosso), un curioso camorrista venuto a chiedere il pizzo alla guida di una vecchia Giulia 1300. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: L’attore, sceneggiatore e regista romano Edoardo Leo (42 anni) si conferma come risorsa della nuova commedia italiana. Merito anche suo il buon esito di Smetto quando voglio . Un manipolo di quattro disgraziati – tema molto caro alla nostra commedia: archetipo I soliti ignoti – compra una masseria malandata in una pericolosa terra campana per farne un agriturismo. Il manipolo si rinforza con l’aggiunta di un bracciante ghanese che a casa sua era un “principe guerriero”, di una ragazza sciroccata, e di un camorrista da strapazzo: sua la Giulia 1300, fonte del titolo e di una bella trovata intorno alla quale tutto ruota. Ma hanno fatto i conti senza il pizzo. Barbarie contro la quale, pur non essendo attrezzati da eroi, ingaggeranno una guerra (quasi) all’ultimo sangue. Dal romanzo del 2011 (edizione e/o) di Fabio Bartolomei, dove forse risultava più calcata sia pur in tono tragicomico l’intenzione di impegno civile. Qui preservata soprattutto attraverso il personaggio di Claudio Amendola, comunista non pentito ma troppo caricaturale.
Da La Repubblica, 19 febbraio 2015