Mia Madre

Mia madre

Titolo Originale: Mia Madre
Nazione: Italia
Genere: Drammatico
Durata: 106′
Anno: 2015

Regia: Nanni Moretti
Cast: Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini, Nanni Moretti, Stefano Abbati, Beatrice Mancini, Enrico Ianniello, Anna Bellato, Toni Laudadio, Pietro Ragusa, Tatiana Lepore, Lorenzo Gioielli.

Trama: Mentre sta girando un film con l’ importante attore americano Barry Huggins (John Turturro) come protagonista, la regista di successo Margherita (Margherita Buy) è alle prese con una catastrofica vita privata, completamente in balia della madre morente e della figlia adolescente Livia. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Storia di immigrazione interna nell’Italia del boom. Dalla Puglia marito e moglie si trasferiscono a Torino, lui trova lavoro ma proprio sul lavoro ha un incidente mortale. Lei rivelerà un coraggio e una forza morale superiori alla norma, allevando tre figli da sola.

Fiction Rai divisa in due puntate da cento minuti ciascuna, scritta da Andrea Purgatori e Laura Ippoliti, con la regia dell’ormai veterano Ricky – figlio di Ugo – Tognazzi, che d’altronde come regista esordì proprio per la tv di Stato nel lontano 1988 (era un episodio della serie intitolata Piazza Navona). Storia struggente al limite del lacrimevole con un cast inadeguato, prettamente ‘televisivo’ (cioè di attori noti più per il loro volto che per le loro capacità espressive) e una narrazione bolsa anch’essa palesemente frutto delle necessità della confezione. Sullo schermo, fra gli altri, compaiono Bianca Guaccero, Francesco – figlio di Antonello – Venditti (ma figlio anche di Simona Izzo, poi moglie di Ricky Tognazzi), Marco Cocci, Primo Reggiani, Giovanni Esposito, Marco Iermanò; la fotografia è affidata a Fabio – figlio di Ermanno – Olmi. Il consueto guazzabuglio di dialoghi insulsi, situazioni banalotte e recitazione approssimativa che in questi anni ci si ostina a chiamare ‘film televisivo’. 2/10.