La Risposta è nelle Stelle

La Risposta e nelle Stelle

Titolo Originale: The Longest Ride
Nazione: USA
Genere: Drammatico
Durata: 100′
Anno: 2015

Regia: George Tillman Jr.
Cast: Britt Robertson, Scott Eastwood, Jack Huston, Oona Chaplin, Melissa Benoist, Alan Alda, Lolita Davidovich, Peter Jurasik, Amy Parrish.

Trama: Due diverse storie d’amore tra individui appartenenti a due generazioni differenti si intrecciano in maniera straordinaria grazie a una strana coincidenza. Nella prima, Ira, un uomo anziano allo sbando e non più in sé, rivive la storia d’amore con la moglie Ruth, morta otto anni prima. Nella seconda, Luke, un giovane cowboy moderno, si innamora della sofisticata Sophia, una studentessa in procinto di laurearsi. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Nel nostro paese è considerato la versione a stelle e strisce di Liala ma la definizione non rende giustizia alla componente imprenditoriale di Nicholas Sparks, scrittore di best seller e da un pò di tempo, produttore cinematografico dei film tratti da suoi romanzi. I quali, è bene dirlo, rappresentano per numero di rappresentazioni, l’ultimo baluardo di un genere – quello romantico sentimentale – ritenuto desueto, e ancor più fuori moda da un mercato intossicato di fenomenologie improntate al più assoluto pragmatismo. Niente a che vedere quindi con le pene d’amor perduto che alimentano la penna dello scrittore, e che hanno fatto la fortuna di titoli come, “Le pagine della nostra vita” e “Le parole che non ti ho detto”, autentici cult di un pubblico femminile, disposto a tutto pur di lasciarsi coinvolgere dai tormenti esistenziali di quelle vicende. Certo, è giusto far notare come, rispetto agli inizi, le ultime trasposizioni abbiano perso la disponibilità degli attori più in vista, gradualmente sostituiti dall’esuberanza di virgulti in cerca di successo e quindi propensi a calarsi senza troppe domande in ruoli scontati ma popolari. Come lo sono quelli di Luke Collins e Sophia Danko, i protagonisti di “La risposta è nelle stelle”, favola sentimentale incentrata sulle peripezie amorose di due coppie destinate a incontrarsi nelle lettere di Ira Levinson, arrivato al termine dei suoi giorni e intenzionato a togliere il disturbo, non prima di aver letto ai due ragazzi le lettere indirizzate all’adorata e defunta moglie.

Stabilendo una corrispondenza tra i ricordi del desolato coniuge e l’attualità degli irrequieti ascoltatori, posti sullostesso piano dall’analogia degli atteggiamenti che metterano in discussione i rispettivi legami, “La risposta è nelle stelle” trova il modo di far proliferare gioie e dolori senza bisogno di forzare la mano (come aveva fatto nel precedente e troppo enfatico “Il meglio di me”) ma semplicemente sfruttando le possibilità offerte dal doppio binario della struttura narrativa.