I 7 Nani

I 7 Nani

Titolo Originale: Der 7bte Zwerg
Nazione: Germania
Genere: Animazione
Durata: 80′
Anno: 2015

Regia: Boris Aljinovic, Harald Siepermann
Cast: Non Disponibile

Trama: Quando Bobo, il più giovane dei sette nani, punge accidentalmente la principessa Rose facendo cadere il regno in un sonno secolare, i sette nani sono costretti a viaggiare nel futuro per risvegliare Rose e scoprire che anche il più piccolo dei nani può essere un re. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Nel 2004 al botteghino tedesco fece il botto 7 Zwerge, versione live action della favola di Biancaneve con una banda di commedianti nei panni dei nani, capitanati dal celebre comico teutonico Otto Waalkes nel ruolo del più buffo e combinaguai, Bobo. Il successo del film ha prodotto un sequel nel 2006 (7 Zwerge – Der Wald ist nicht genug), ispirato alla fiaba di Tremotino, e infine questa sorta di spinoff d’animazione, dove la maggior parte del cast riprende i propri personaggi doppiandoli nella versione originale (e, soprattutto nel caso di Bobo/Waalkes, anche i tratti dei nani ricalcano quelli degli interpreti). Difficile esportare in Italia i precedenti capitoli, mentre un prodotto d’animazione – per quanto, tecnicamente, terzo episodio di una trilogia – in computer grafica, con protagonisti assortiti dal mondo delle fiabe (il filo della trama si intreccia a quello della Bella addormentata, ma ci sono pure Cappuccetto rosso, Pinocchio & Co., come il pubblico cresciuto a Shrek e C’era una volta vuole) e qualche rapido numero musicale è destinato giocoforza a incontrare il favore del botteghino. Indipendentemente dalla qualità tecnica (qui piuttosto bassa), dall’originalità dello script (pressoché?nulla) e dell’impianto visivo?(uno dei coautori, Siepermann, ha lavorato alla Disney e la villain del film è ricalcata pedissequamente sull’ossuta Yzma di Le follie dell’imperatore). In mancanza di altro prodotto animato concomitante, i piccini apprezzeranno.