Doraemon – Le Avventure di Nobita e dei 5 Esploratori

Doraemon - Le Avventure di Nobita e dei 5 Esploratori

Titolo Originale: Eiga Doraemon Shin Nobita no Daimakyo ~Peko to 5-nin no Tankentai
Nazione: Giappone
Genere: Animazione
Durata: 109′
Anno: 2014

Regia: Shinnosuke Yakuwa
Cast: Non Disponibile

Trama: Nobita, Shizuka, Gian e Suneo, accompagnati anche da un dolce e tenero cucciolo di cane trovato da solo, viaggiano nel cuore della giungla alla ricerca di un posto magico. Riusciranno i chiuski di Doraemon ad aiutare la divertente compagnia a superare le insidie che si troveranno ad affrontare e a portare il cucciolo in un magico regno di cui è principe? Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica:Il personaggio di Doraemon, il gatto-robot azzurro proveniente dal futuro per soccorrere l’imbranato bambino Nobita, è così popolare in patria che potete trovarne l’effigie anche in alcuni ristoranti giapponesi di casa nostra. L’ultimo episodio di questo franchise di lunga data (trentasei episodi) è stato, l’anno scorso, Doraemon Il film, attualizzazione della serie con immagini generate al computer. Ora si torna invece all’animazione a due dimensioni per confezionare il remake di un film del 1989 – Doraemon nel paese delle meraviglie – mai uscito nelle sale italiane. È un’avventura nella jungla, di cui sono protagonisti tutti i personaggi della serie più un cagnolino abbandonato di nome Peko, così grazioso da convincere la mamma di Nobita ad adottarlo. Peko parteciperà all’avventura esotica tra fiere, serpentoni e gorilla facendo da guida agli altri in un mondo fantastico di canidi ultra-evoluti. Il soggetto passabilmente anacronistico, non rende il cartoon indimenticabile; per i piccoli, però, può funzionare.
Da La Repubblica, 14 maggio 2015